La gobbetta 

 

[Raccontata da Nina Fedele e raccolta da Salvatore Salomone Marino]

 

 

img/Gobbetta.jpgC'era una volta un re che aveva tre figlie femmine tutte da maritare: le più grandi erano ben messe e si maritarono subito, la più piccola aveva la gobba e non la volevano né regalata né venduta. La volle infine il cocchiere e lei gli disse di sì:
- Che devo fare - disse - le mie sorelle sì e io no?

- Ma figlia mia, cali di grado - diceva il padre.
- Ma insomma maestà, chi mi prendo se nessuno mi vuole?


Fecero il matrimonio e se la prese il cocchiere. Ma le sue sorelle continuavano a volerle male e la disprezzavano e le dicevano tante cattive parole perché aveva la gobba e si era sposata il cocchiere, per cui lei piangeva ed era malinconica. Nel bel mezzo passarono tre fate:
- Che hai, Richetta, che sei così afflitta?

- E che devo avere?! Le mie sorelle mi disprezzano, non mi vogliono vicina a loro, dicono che la corona tocca a loro perché io sono gobbetta e devo servire per il loro divertimento.
- Eh, bene! - dissero le fate - tieni questa castagna, questa nocciola e questa noce, ti serviranno quando ne avrai bisogno.
E se ne andarono per i fatti loro a girare il mondo.

 

Venne e rivenne il tempo in cui il padre era vecchio:
- Ora - disse - io sono vecchio, voglio spogliarmi della mia corona e passare il regno nelle mani di uno dei miei generi. Olà, ascoltate figlie mie, la corona la dò a colei che mi ricama la più bella copertina d'oro.

 

img/Gobbetta2.jpgLe due sorelle erano tutte allegre:
- Ah! ah! Bene, bene! La corona è nostra!
E la povera gobbetta sempre più rattrappita diceva:
- E che modo ho io di ricamarla?

Le sorelle compravano oro e argento, drappi di seta che di più non potevano. Richetta chiamò il servo e lo mandò a gridare sotto le finestre delle sorelle.
- Chi ha filami e perline per ricamare la coperta del re?
- Ah! Questa è la tartaruga! - dicevano sghignazzando - è sicuro: la corona è nostra.


Venne il giorno di presentare la coperta al re: che fa Richetta? Schiaccia la nocciola e subito compare una copertina meravigliosa con ricami d'oro e perle preziose come non si erano viste mai.
- Oh! Che bella! Oh! Che bella! - disse il re - una cosa simile non si trova al mondo! Certo voi avete perso la gara.


Ma per la corona mise un'altra condizione: possibile darla a una gobbetta? E che fa?


- Per la corona - disse - voglio un'altra cosa: voglio che nutriate un cagnolino, bello, fine, piccolo, il migliore che ci sia.

Considerate che potevano fare le sorelle!

- Stavolta la corona è nostra.
E si misero a nutrire cagnolini proprio graziosi. Passò e ripassò il servo della gobbetta:

- Chi ha un tozzo di pane duro, che la mia signora deve nutrire un cagnolino per il re?
- Oh! - dicevano - con la copertina ce l'ha fatta! Diamogli pure noi del pane duro!
- No! - Sì! - No!


img/Gobbetta3.jpgTant'è non se ne fece niente e venne il tempo di portare il cagnolino al re. La tartaruga se ne andò arrotolata e come giunse a mezza scala schiacciò la castagna e ne spuntò un cagnolino tanto bello e tanto fino che alle altre non sarebbe nato in grembo.

- Oh! Che cosa rara! - disse il re - come hai fatto a farlo crescere così?
- Come l'ho nutrito lo sa Iddio; né in cielo né in terra: zitto lui, zitta io.


Allora il re disse:
- Io te la darei la corona, ma non la dò ancora, che manca un'altra prova: sapete a chi la dò? A chi mi arriva più ben vestita e più bella.

 


A questo punto le cose erano chiare: le sorelle erano belle e contente, potevano dormire con la testa tra due cuscini! Ma il cocchiere si disperava e diceva:
- No! Stavolta gliel'appizza la corona, anche se mia moglie l'ha vinta due volte!
Arrivò il tempo e l'ora di andarsi a presentare al re. Si affacciò la tartaruga con tanto di gobba:
- Piglia la miglior carrozza che arrivo.


Schiacciò la noce e detto fatto diventò la dea Venere in persona, vestita come la più ricca e la più galante che mai ci sia stata, dove passava brillava la strada come passasse il sole.
Che vi devo dire? Il re e le sorelle tutti restarono con tanto di naso che manco riuscivano a spiccicar parola e aprire la bocca.
E Richetta trionfante ridendo diceva:
- Ah! Anche voi vi credevate che ero gobbetta? La corona è la mia!
- Hai ragione, tieni la corona - disse il re - non c'è che dire: a voi due, figlie mie non posso far nulla: chè il regno e il governo sono di Richetta.


Richetta e suo marito re e regina incoronati,
restarono felici e contenti
e noi qua che ci puliamo i denti.

 

 

 

img/Gobbetta4.jpg

 

 

 

________________

img/MarinoePitre.jpgSalvatore Salomone Marino(1847-1916)


È nato ed è morto nel paese di Borgetto (PA). Scriveva sul folklore e tradizioni dei contadini siciliani. Ha scritto molti compendi, aneddoti, proverbi e motteggi illustrati da novellette popolari siciliane, Canti popolari siciliani trascritti nei secoli XVI, XVII e XVIII, Carlo Quinto imperatore nella leggenda siciliana, Leggende popolari siciliane in poesia, La onnipotenza dei proverbi dimostrata da una novelletta popolare siciliana, La rivoluzione siciliana del 1848-49 nei canti popolari... La sua opera più nota è «La Baronessa di Carini».

Liberamente tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   


taninoferri.com sito sponsorizzato da ferridesing artaitec