La Genesi

 

(secondo Druse Mirko)

 

 

 

 

img/DruseMirko2.jpg

 

In prinzipio jera Verbo
(jera Verbo iregulare)
jera zielo, tera e mare
tuto quanto in hran mis mas.

 

Jera pessi che svolava
e serpenti co le hambe,
jera tante armente strambe
più cative di lion.

 

Gà bastà una setimana,
tuti a posto jè stai messi:
vache in stala, mar per pessi,
omo in tera e stele in ziel.

 

 

 
img/DruseMirko3.jpg

 

 

'Ndove adesso jè Sacheta
jera bosco di naranze,
no ghe jera minoranze,
no ghe jera remitùr.


Paradiso jera in tera
come spiega prete in Cesa,
no ocoreva fare spesa,
si gaveva tuto a puf.


Ma no jera gnente gente,
gnanche Jeva nè Judamo.
Bog gà dito: "Li creiamo
con un pò di cacabùs".

 

 

 

img/DruseMirko4.jpg

 

 

E cussì, 'ndove che adesso
li jè zirca via Murati,
Jeva e Adamo li jè nati
e i ga dito "Doberdàn".



Questa storia conta Bibia
ma no ocori creder tuto,
se in scientifico la buto
mi la spiego anca tacù.


Anno avanti Senor Cristo
diesezento e pò anca mila,
jera pieno di gorila
e veliki rangutan.

 

 

img/DruseMirko5.jpg

 

 Questi stava in San Dorligo
che si ciama ogi Dolina,
ghe ne jera anche a Opicina
e a Bagnoli di Boljunz.


Tiste scimie, di anno in anno,
li si gà molto evoluto:
le scuminzia a far persuto
e a cundir cibi con kren.


Rangutani su di Greta
jera molto inteligenti,
li saveva dir "jebenti"
"dobro jutro" e "kako jè".

 


img/DruseMirko6.gif

 

Dopo molti seculorum
di evolùzja evoluzione
li diventa omini e done
senza coda di Kudich.


Omo zà li capissava
co' jè nata Età di piera
e zà alora sassi jera
come carta di closet.


Pò vignù je età di fero,
con fersore e scolabrodi:
caligheri meti ciodi
soto siole di stivàl.

 

 

 


img/DruseMirko7.jpg

 

 

 

 

E lucheto di Podgora
che si spinse fin Gradisca
fato gà prima falisca
co' montà je su scalin.


E per questa concidenza
scurinverto si gà fogo,
molto utile per cogo,
scaldorifero e pavèr.


Mondo jera zà zivile,
mus tirava zà carozza,
quando omo senti jozza
che ghe casca su cupin.

 

 

 

 

 

 

img/DruseMirko8.jpg

 

 

 

Drio di jozza druga jozza,
ziel li jera tuto scuro;
chi camina rente muro
e chi scampa in un porton.


Piova riva zò a cadini
a cadini di mastele,
come fussi tante catinele;
jera insoma hran slavàz.


Quando zà li jera colma
che rivava fin su scale,
"Pediluvio Universale!"
un studiado dito gà.


Jera proprio pediluvio:
aqua riva fin su glava,
sora onde galegiava
gnente altro che klabùk.

 

 

 

 

img/DruseMirko9.jpg

 

 

 

Toni, fulmini, saete:
jera sempre steso disco,
solo punta di Obelisco
jera fora di hran ploch.


E qua morti saria Cici
che no jè nati per barca,
se a pescarli con la Larca
no li 'ndava Sior Noè.


Larca jera pressa poco
come ogi Circo Toni
con popotami, lioni,
con furlani, kriki e cif.


Gà piovudo sete anni,
sete mesi e sete jorni,
fin che messo fora horni
gà cagoia tutintùn.

 

 

 


img/DruseMirko91.jpg

 

 

Sol tornado je su mondo,
je 'nda via nuvoli neri,
quando "Molo Bersaglieri"
sior Noè li gà zigà.


Mar di tera si svodava
zò di Cava Facanone:
sempre alegri, mai passione,
torna vita dopo smrt.


Sora mare squasi calmo
jera ancora qualche gomba,
co' vignuda jè colomba
con rameto verdulin.


Kriko disi: "Semo a posto,
qua tiremo in barca remo:
se colombi zà gavemo
si farà Piazza Unità".

 

 

 

 

 

 

 

 

img/DruseMirko1.jpeg

 

 

 

 

_____________________

img/Lino Carpinteri.gifDruse Mirko

Giornalista di Trieste (scriveva sui quotidiani cittadini nell'immediato secondo dopoguerra) Lino Carpinteri con lo pseudonimo di Druse Mirko, spiega, in dialetto veneto, la creazione del mondo barcamenandosi tra le sacre scritture e teorie darwiniane.
Le prime poesie, inizialmente a firma Mirko Drek (letteralmente, in sloveno, Marco Merda) apparvero su  “La Cittadella”, il supplemento del lunedì al quotidiano “Il Piccolo”, l'8 maggio 1948. Da allora i suoi versi seguirono i principali avvenimenti cittadini; lo pseudonimo Mirko Drek, in seguito e con l'affievolirsi dei contrasti politici con l'allora Jugoslavia, viene cambiato in Druse Mirko. Attraverso il gustoso pastiche linguistico italo-sloveno delle poesie di Mirko, la cui nascita è rivendicata da ben sette borghi del Carso così come quella di Omero lo era da sette città della Grecia, si possono rivivere in forma satirica tutti gli avvenimenti di quei travagliati anni di cui Mirko cerca di capire la logica e di spiegarla ai propri lettori. 

 

(liberamente tratto da un saggio di Luigi Nacci, da me integrato con altre annotazioni tratte dal web).

 

 

 

 

   


taninoferri.com sito sponsorizzato da ferridesing artaitec