Lettera ad un emigrato siciliano

inviata da un amico di Paternò 
 
 
di
 
 
 Alfio Ferrisi

 

 

 

Caru amicu,
ti mannu sta littra pi fariti sapiri ca staiu beni di saluti è cosi spero sentiri di te e di la to muggheri e figghi ti fazzu sapiri macari ca scecca fici mpudditru che già sauta ca pari ncavaddu non ti vogghiu cuntari lastimi u giardinu siccò ca cifù a gilata e ci lassò locchi sulu pi cianciri e allura ogni matina cu scuru minni vaiu o quattrucanti a piduarimi ma non mi pigghia nuddu pi azzappari ca mancu i patruni cianno sordi e allura mi nni vaiu a ricogghiri mennuli interra ne chiusi ammensu i ficudinnia ca simmi vidi u massariotu mi spara cu fisciò
Minnaiaiutu macari a cogghieri sparici finocchi rizzi e cicoria a chiana i catania ma e luntanu ca sira marricogghiu cu scuru u frummentu cai arricugghiutu spiculiannu spiculiannu nastati finiu e ma muggheri nun ciavi nenti pimpastari namaidda e allura accatta u pani na putia a cridenza ca spiriamu di putiri paari annunca maiu a pristari i sordi o camiu ca ti dunanu du sordi e dopo nanno ni volunu centu non ciaiu autru da diriti ma tu ca stai a merica addumari lampiuni a sira e poi i stuti a matina ta passi bonu a merica è sempri a merica e nun ce nuddu ca mori di fami ca pi santabarbara ci fu unmartorio santabarbaruzza ca nuddu ciaveva sordi paccattari asasizza e costi di maiali giranu i parrini strati strati pricogghiri sordi pi spararici i bummi ma mancu ci abbastanu paddumari i cannili na chiesa grazie a sta bona monaca da chiesa do priatorio ca sapi scriviri macari acarcarara comu sulu sacciu parrari e comu tu micapisci e comu mi nsignanu matri epatri tarracumannu iu ca ti vogghiu beni statti a merica e non fari a minghiata ca fici ma patruzzu quannera picciottu bonarmuzza ca pigghiò u papuri cu sa muggheri che era ma matri e iu ca era picciriddu e sinni turnanu o paisi amuriri di fami salut e salute
lamico to di paternò Alfio ferrisi
10 dicembre '94

 

 

imgs/SIAEVittinacrozza.jpg

 

 

“Caro amico,
ti mando questa lettera per farti sapere che sto bene di salute e così spero di sentire di te, di tua moglie e dei tuoi figli. Ti faccio sapere anche che l’asina ha fatto un puledro, il quale già salta come un cavallo.
Non voglio raccontarti lamentele: il giardino [in Sicilia, gli agrumeti vengono comunemente chiamati "giardini"] è seccato perché c’è stato il gelo, che ci ha lasciato gli occhi solo per piangere; e allora ogni mattina col buio me ne vado ai Quattro Canti per cercare di farmi ingaggiare, ma non mi prende nessuno per zappare, perché nemmeno i padroni hanno soldi; e allora me ne vado a raccogliere mandorle da terra nelle chiuse, in mezzo ai fichidindia, col rischio che se mi vede il custode della masseria mi spara col fucile.
Sono andato anche a raccogliere asparagi, finocchi selvatici e cicoria alla Piana di Catania, ma è tanto lontano che la sera mi ritiro col buio. Il frumento che ho raccolto spigolando spigolando d’estate è finito, e mia moglie non ha niente per impastare nella madia; e allora compra il pane in bottega a credito: e speriamo di poter pagare, altrimenti devo farmi prestare i soldi dall’usuraio, dove ti danno due soldi e dopo un anno ne vogliono cento.
Non ho altro da dirti: ma tu che stai in la Merica ad accendere lampioni alla sera e poi li spegni alla mattina, te la passi bene: la Merica è sempre la Merica e non c’è nessuno che muore di fame. Qua per Santa Barbara ci fu un mortorio — S. Barbaruzza! — perché nessuno aveva soldi per comprare la salciccia e le costate di maiale: i preti andavano girando per le strade per raccogliere soldi con cui fare sparare le bombe, ma i soldi raccolti non bastarono nemmeno ad accendere le candele in chiesa.
Grazie a questa buona monaca della chiesa del Purgatorio che sa scrivere, anche in dialetto stretto. quale soltanto io so parlare, come tu mi capisci e come m’insegnarono padre e madre, io che ti voglio bene ti raccomando: statti in America e non fare la stupidaggine che fece il mio caro padre quand’era giovane, — cara buon’anima! — il quale prese il vapore insieme con sua moglie, che era mia madre, e con me, che ero un bambino, e se ne tornò al paese a morire di fame.
Tanti saluti
l’amico tuo di Paternò Alfio Ferrisi
10 dicembre ’94”

 

 

 

 

 

___________________________

imgs/AlfioFerrisi.jpgAlfio Ferrisi

Nato a Montclair (Stati Uniti) nel 1916 da emigranti siciliani, Alfio Ferrisi trascorse la sua adolescenza a Paternò fino alla laurea in giurisprudenza, conseguita a Catania. Successivamente, chiamato alle armi e destinato in Friuli, intraprese la carriera nella polizia. Si stabilì a Trieste, sua patria adottiva, svolgendovi un notevole ruolo culturale, coltivando la sua passione di sempre: la cultura, intesa non soltanto come partecipazione attiva a manifestazioni culturali, ma anche come creazione artistica.

La lettera, inedita,  è piena di riferimenti autobiografici: la festa di S. Barbara, la parrocchia del Purgatorio, il padre lampionaio in America, la venuta in Sicilia dell’autore bambino, tanta miseria e tante sofferenze in quegli anni. Il commento sta nei fatti stessi e nella capacità del Ferrisi di rendere linguisticamente un momento storico della Sicilia. In questa lettera Ferrisi ha voluto simulare la corrispondenza postale tra parenti e amici siciliani. La ricostruzione è particolarmente fedele, perché il Ferrisi ne ha ripreso i moduli espressivi e gli errori tipici.

Tra le righe traspaiono le sofferenze e le umiliazioni dei nostri non lontani antenati analfabeti o quasi, i quali dovevano servirsi d’improvvisati scrivani, o improvvisarsi scrivani essi stessi, per mantenersi in contatto con gli affetti emigrati. E oggi chi ha conosciuto quella realtà e legge lettere così, non può non commuoversi di fronte a così disarmante semplicità e, nel contempo, non può non indignarsi quando gli egoismi di tanti nostri connazionali riservano lo stesso trattamento agli immigrati, detti extra-comunitari, che vengono a sfamarsi nel nostro Paese.

 

Liberamente tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera, e da altre fonti sul web.


 

 

 

 

 

 

 

   


taninoferri.com sito sponsorizzato da ferridesing artaitec